Noi ! Artefici del nostro destino

La vita è quella cosa che non va capita, va presa così com'è.
In ogni momento tutto può cambiare: in meglio o in peggio, magari per mano di qualcuno che non ci crede abbastanza, che si crede superiore, che solo perché ha una "Y" invece che una "X" pensa di potersi permettere tutto. Basta un niente per annientare le nostre sicurezze, e loro si sentono come leoni di fronte alla propria preda, pronti ad attaccare, senza pensare alle conseguenze.
Ti cambiano, ti cambiano dentro. Tutto crolla, ti isoli, a volte pensi che farla finita sia meglio di una vita piena di dolore; ma il dolore si sconfigge, si supera, si annienta: basta un po' di coraggio, un pizzico di follia per fidarsi di qualcuno che può aiutarti. Fidarsi, quella cosa che sembra diventare impossibile, ma poi in fondo non lo è se si incontrano le persone giuste.
Tutto è cambiato, quel giorno di tanti anni fa, quando una persona (se così si può definire) ha deciso che doveva cambiare la vita di una bambina di soli 10 anni invadendo la sua intimità, abusando di lei, distruggendo la sua dignità, la sua sicurezza e le sue certezze per molti anni. 
Quella bambina poi è cresciuta, è diventata una ragazza, una ragazza considerata "strana" perché piuttosto che stare con gli altri ragazzi preferiva stare da sola, ma non capiva perché.
Il motivo del suo isolamento e della sua diffidenza l'ha capito solo 9 anni dopo quel giorno, dopo innumerevoli ricoveri per attacchi di panico, dopo sedute terapeutiche infinite, dopo terapie farmacologiche a base di ansiolitici e antidepressivi, dopo aver toccato il fondo e aver seriamente pensato al suicidio.
Le cose non potevano andare peggio di così.
Oggi quella ragazza ha 22 anni, e da due si è avvicinata al mondo delle arti marziali, anche se inizialmente era restia. Due anni sono pochi, il percorso per "stare bene" è ancora lungo, ma grazie al karate ora sta molto meglio: da mesi non ha più attacchi di panico, non si isola più, in mezzo a persone "sconosciute" riesce ad essere tranquilla e socievole, ha fatto parecchi passi avanti e le cose non possono che migliorare.
Quella bambina, quella ragazza, sono IO!
Quando salgo sul tatami l’unico avversario che ho di fronte sono le mie paure.
Il karate mi sta aiutando molto a livello mentale. Sono molto più sicura, non ho più paura ad andare in giro da sola e, anche se la strada è ancora lunga, ad oggi posso dire di essere orgogliosa di me per aver trovato il coraggio di reagire e non aver permesso a quella "persona" di avere il controllo sulla mia vita.
Solo noi possiamo decidere chi siamo, nessun altro. Non dobbiamo permettere a nessuno di condizionare la nostra vita, mai!
Non so se esista un destino scritto per ognuno di noi, so solo che, comunque sia, siamo noi a disegnare il nostro futuro, scelta dopo scelta.

 

AUTORE : PAOLA ALFANO

                  CINTURA ARANCIO KARATE 

                  MEDAGLIA D'ORO REGIONALE KUMITE

                  MEDAGLIA DI BRONZO REGIONALE KATA

Scrivi commento

Commenti: 0

          A.S.D FUDOSHIN 

    ACCADEMIA KARATE JUTSU

 CANTALUPO FRAZ. (CERRO MAGGIORE)

                 VIA VERCELLI N°7